SEO e SEA a confronto: su cosa è meglio investire?

Meglio investire in SEO o in SEA? Una domanda che moltissime aziende disposte a investire nel web si sono poste almeno una volta nel loro percorso imprenditoriale. Prima di rispondere alla domanda, però, è il caso di chiedersi prima cosa siano e quali siano i punti di forza (e di debolezza) dei due diversi approcci al mondo del web marketing.

La SEO (Search Engine Optimization) fa riferimento a strumenti e attività posti in essere al fine di migliorare il posizionamento organico di un sito web sui motori di ricerca. In parole povere: le strategie che permettono a una pagina web di apparire più in alto possibile negli elenchi di ricerca di Google (o degli altri motori di ricerca).

La SEA (Search Engine Advertising) intende le strategie web che si basano sulla gestione delle campagne a pagamento attraverso link e annunci PPC (pay per click).

SEO e SEA a confronto

Innanzitutto, va chiarito che sia con la SEO che con la SEA è necessario rivolgersi a un’agenzia di web marketing a Lecce, Roma o Milano in grado di affiancare il cliente nella gestione dei diversi step, da articolare secondo un percorso analitico e mirato. Improvvisarsi webmaster quasi sempre si rivela un’idea quanto meno improvvida.

La SEO si basa su una strategia a lungo termine e prima che generi risultati tangibili è necessario attendere almeno un paio di mesi. Va però detto che, se bene implementato, un piano SEO è in grado di apportare benefici all’azienda anche a distanza di tempo dall’interruzione dei lavori.

La SEA, viceversa, genera un ritorno dell’investimento immediato; una volta impostata una campagna, un budget giornaliero e aver realizzato annunci ad hoc, sarà fin da subito possibile iniziare a misurare le performance della propria strategia e perfezionarla. Di contro, una campagna SEA è strettamente vincolata all’immissione continua di denaro perché possa continuare a performare.

La SEO non dà garanzie di risultato: nessuno può garantire la prima posizione né la prima pagina, a differenza di quanto avviene con una campagna AdWords, in cui l’introito di traffico verso il proprio sito è pressoché certo. D’altra parte, neppure l’aumento delle visite rappresenta una garanzia di successo: sia con la SEO che con la SEA, la conversione del contatto è vincolata ad altri parametri: un sito funzionale, un percorso di fidelizzazione dell’utente ben strutturato, un’offerta commerciale adeguata alle aspettative/esigenze del pubblico.

You must be logged in to post a comment.