SEO: spiegazioni per non fare confusione

Tra i concetti principali che caratterizzano il web marketing non si può fare a meno di menzionare le sigle SEO e SEM. Entrambe costituiscono due strategie per il miglioramento della posizione di un sito web nell’elenco dei motori di ricerca.

Le strategie SEO hanno lo scopo di promuovere un sito web al fine di fargli raggiungere le prime posizioni nei motori di ricerca senza aver investito con pagamenti in denaro, infatti, si parla di posizionamento organico e puro.

Una buona strategia SEO è composta da attività on site, sulla struttura del sito, e attività off site, al di fuori del sito. Per ottimizzazione, invece, si intendono caratteristiche come velocità, usabilità, codice HTML leggero, contenuti di qualità, titoli e descrizioni differenti per ogni pagina.

SEM: che cos’è il Search Engine Marketing

La sigla SEM, il cui acronimo indica il marketing attraverso i motori di ricerca, rappresenta una pratica utilizzata contemporaneamente all’ottimizzazione SEO per rendere un sito web maggiormente visibile. All’interno delle strategie SEM sono comprese sia la tecnica SEO, per i risultati organici, che la SEA, per le inserzioni pubblicitarie. La pubblicità può essere ottenuta mediante servizi a pagamento investendo in una campagna pubblicitaria efficace. Quando si usa la pubblicità a pagamento, l’annuncio compare in alto a destra ben separato dai risultati free. Una campagna AdWords risulta efficace, soprattutto, se si fa una buona analisi delle parole chiave e si valuta la loro coerenza con i contenuti del sito. Per questo SEO e SEM vanno sempre tenute sotto controllo. Lo scopo delle strategie SEM è quello di portare i visitatori a diventare clienti di un sito e-commerce o utenti fidelizzati di un sito. Ci sono delle web agency esperte, come ElaMedia Group di Roma, che si occupano dell’ottimizzazione dei siti web.

SEA: scopriamo la Search Engine Adversting

Le strategie SEA, invece fanno parte di quelle strategie che contano sul pay per click, cioè PPC, con cui si investe in link sponsorizzati e viene versata una somma di denaro solo se qualche utente clicca sull’annuncio. Per una buona strategia SEA, però, non basta solo investire un budget nella campagna pubblicitaria ma bisogna cercare di attirare l’utente all’interesse per i contenuti. Per ottenere ciò, il sito web deve essere strutturato in maniera corretta e deve essere coerente con le parole chiave utilizzate.

Infine, per scegliere la metodologia più adatta, si deve tenere conto che quando viene utilizzata una strategia SEO si sta parlando di un investimento a lungo termine e la visibilità della pagina web tra i risultati organici di ricerca verrà mantenuta nel tempo. Con una campagna SEM la visibilità viene influenzata dal budget economico che è stato investito e che una volta che non si paga più l’annuncio scomparirà dai risultati di ricerca.

You must be logged in to post a comment.